Lives

L’assenzio, un mito sempre verde
janvier 23, 2016 damir

L’assenzio, un mito sempre verde

Odradek edizioni
via dei Banchi vecchi, 57
00186 – Roma
(T) 06 6833451
http://www.odradek.it

Ingrediente della storia sociale e culturale europea, l’assenzio è ormai droga leggendaria, pervenuta nel tempo a legare il proprio destino a uno dei momenti più salienti della cultura dell’Ottocento quando, in piena epoca vittoriana, la sua storia si intreccia con la nascita di una delle prime culture critiche dell’etica capitalista allora dominante.

Il libro di Noël non è soltanto uno scritto storico-analitico, né un resoconto tecnico di grande precisione; è davvero qualcosa di più: una raggiera socio-culturale che fa perno su quello che l’autore chiama « l’apéritif-phare du XIX siècle ». Ne sono investiti l’arte, la politica, il costume: in una parola, la società, o meglio, le società occidentali inumiditedall’assenzio nell’arco di un secolo.

È possibile che la « fata verde » torni a trovarsi oggi sul banco degli accusati, in un momento in cui si scopre che le vere e più devastanti droghe del pianeta sono l’uranio impoverito o il plutonio, che annientano le fonti stesse della vita? Non sarà un tantino esagerato, se non addirittura risibile? Il libro di Noël non nasconde una strana simpatia per una « fata » che, a petto di devastazioni « scientificamente » pianificate, può perfino apparire come una piccola divinità eccentrica, emarginata, desueta, che ha tanto bisogno di solidarietà e di calore.

Benoît NOËL: storico dell’arte specializzato nel periodo tra il XIXº e il XXº secolo, è stato il primo conservatore del Musée de la Maison Fournaise de Chatou. Sullo stesso argomento pubblicato: L’Absinthe, muse des peintres, con Marie-Claude Delahaye, éditions de L’Amateur, 1999; L’Absinthe, une fée franco-suisse, éditions Cabédita, Yens-sur-Morges (Svizzera), 2001; L’Absinthe perd nos fils, La Fontaine-aux-Loups, Montolivet (Francia), 2001.

Dopo il successo planetario del film Moulin Rouge, in cui la parte della fatina verde era interpretata da un’accattivante Kylie Minogue, il mito dell’assenzio, che per la verità aveva già da qualche anno ripreso a sedurre le sue romantiche vittime néo-bohémiennes, è définitivamente ritornato in auge. E del rivonnato successo della misteriosa bevanda, il libro di Benoît Noël è una preziosa testimonianza…

http://www.lafeltrinelli.com

couv_assenzio